E così verso sera al rientro, Il vento era talmente forte da costringerci ad ammainare la randa.

Fotografare non è stato proprio semplice. Il vento impetuoso e le onde molto mosse, hanno reso l’uscita sul Garda divertente ma molto estenuante, tant’è che appena sbarcati, eravamo tutti sfiniti. Comunque sia andata, tra cambi di rotta lascando e poggiando, continui giri di Winch che richiedono una certa energia, e acqua in falchetta il più delle volte, é stata una giornata meravigliosa.

Tengo a precisare; io amo andare in barca a vela, non sono ancora un esperto, ma Veleggiare é un insieme di emozioni e responsabilità che amo condividere con gi miei amici. Quando si timona una barca a vela, si vivono gli elementi, la compagnia, il luogo , la propria solitudine .

Ho usato una polaroid 600 close-up, e per fortuna, Le pellicole hanno tenuto bene la temperatura, anche se ovviamente hanno virato un po’. Ma il risultato mi affascina.

Alla prossima uscita …

Informazioni sull'autore

” Se c’e un aspetto che amo della fotografia, è l'incontro, e il poter guardare le persone cercando di scovare lo zero fotografico che è in ognuno di noi. Un difficile incontro tra soggetto, oggetto e operatore, finché non crollano le barriere egosintoniche e si instaura una profonda relazione. Ogni fotografia è una personale realtà, indica il luogo e il tempo del mio passaggio, una finestra sui miei occhi, ma non verità assoluta proprio perché ognuno, è autore della propria”

Ti potrebbe piacere:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: