– Non vi erano parole, ma sguardi pieni. L’orizzonte blu sempre più vicino, alle spalle, oscure nubi minacciose e all’erta.

Passeggiando sul bordo di confine tra due mondi, non vi erano ostacoli o oscuri presagi. Sospesi nella stringa di tempo tra mare e terra, Terrestri di ogni specie incidono il proprio ora, senza infrangere gli altrui momenti. In quel lasso di tempo sospeso tra due mondi, nel blu di mezzo tra terra e mare, eravamo Due amanti nascosti tra schiumanti onde in intollerante attesa di un nuovo flusso umano. Gambe si avvolgono in caldi abbracci di intime carezze, tra le ombre nere delle onde. Il mare, ventre profondo, universo generatore di vita, divenne Big bang primordiale, soffio divino di un cataclisma emozionale. –

About Author

” Se c’e un aspetto che amo della fotografia, è il poter guardare le persone cercando di scovare lo zero fotografico che è in ognuno di noi. Un difficile incontro tra soggetto, oggetto e operatore, finché non crollano le barriere egosintoniche e si instaura una profonda relazione. Ogni fotografia è una personale realtà, indica il luogo e il tempo del mio passaggio, una finestra sui miei occhi, ma non verità assoluta proprio perché ognuno, è autore della propria”

You might also enjoy:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: