Pensieri familiari

Una lama di luce che irradia e devasta il buio.

Mi manca la mia famiglia d’origine, malgrado io non sia proprio una persona come dire ” familiare ” , manca. Manca Il poter discutere, litigare, percepire suoni, odori, la vita che si manifesta. Mi manca la presenza fisica dei miei genitori. Sentirli soli, distanti e preoccupati per noi figli ( sopratutto se hanno una certa età ) e non poterli aiutare a causa di questa situazione di emergenza é straziante. Cosa fare? non molto, forse. Nel mio piccolo cerco di sentirli, videochiamarli , scrivere cazzate per il puro piacere di farli ridere, pur di non farli sentire soli. A volte non ci dormo la notte, a volte pensieri di giorno, ma è così che sono fatto ed è così che voglio essere.

Informazioni sull'autore

” Se c’e un aspetto che amo della fotografia, è l'incontro, e il poter guardare le persone cercando di scovare lo zero fotografico che è in ognuno di noi. Un difficile incontro tra soggetto, oggetto e operatore, finché non crollano le barriere egosintoniche e si instaura una profonda relazione. Ogni fotografia è una personale realtà, indica il luogo e il tempo del mio passaggio, una finestra sui miei occhi, ma non verità assoluta proprio perché ognuno, è autore della propria”

Ti potrebbe piacere:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: