Alla tenue luce del crepuscolo del crepuscolo sul lago, si alternava un aurora i colori sfavillanti. L’aria era tiepida sopra la mia testa semi affondata nell’acqua, tipico di quell’ora nelle serate di luglio, mentre facevo la mia nuotata quotidiana. Il mio corpo immerso si perdeva nel buio profondo del lago. La riva non era distante, mi ci sarebbero voluti ancora 20 minuti. Decisi di mantenere un ritmo costante quando, qualcosa incrociò il mio braccio destro e scivolò via viscidamente. Qualche alga pensai, ma proseguendo percepii la stessa cosa sulle gambe e poi sui piedi. Mi fermai di colpo. Più infastidito che altro. Intorno e avanti a me non vi era nulla, e tutto era divenuto monocromatico, a parte quella strana aurora colorata sopra il lago. Non sapevo cosa pensare, provavo un misto di angoscia e curiosità. Guardai verso la riva e la vidi sempre lì, quindi ricominciai a nuotare verso essa, ma ad un certo punto, fermandomi nuovamente a causa di un crampo alla gamba destra, mi resi conto che la riva era sempre lì. Non mi ero avvicinato per niente. Ma com’era possibile? Non ci sono correnti così forti da non farti avanzare qui. E poi che cazzo era tutto questo bianco e nero intorno? Cosa faccio adesso? ” Sto provando da mezz’ora a rientrare e adesso ho freddo e mi sento stanco. Sto scrivendo dal mio cellulare che ho all’interno della mia custodia subacquea. Se qualcuno legge questo messaggio, ho bisogno di aiuto, sono bloccato in mezzo al lago, non riesco a rientrare , qualcosa mi tiene fermo qui in acqua . Non è uno scherzo, sono sul lago di Caldonazzo all’altezza di cmllhnkl

Crepuscolo

Informazioni sull'autore

” Se c’e un aspetto che amo della fotografia, è l'incontro, e il poter guardare le persone cercando di scovare lo zero fotografico che è in ognuno di noi. Un difficile incontro tra soggetto, oggetto e operatore, finché non crollano le barriere egosintoniche e si instaura una profonda relazione. Ogni fotografia è una personale realtà, indica il luogo e il tempo del mio passaggio, una finestra sui miei occhi, ma non verità assoluta proprio perché ognuno, è autore della propria”

Ti potrebbe piacere:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: