Il ritratto

Non provai empatia per nessuno in quel luogo. Fu solo un gettarsi via tra le braccia di una città multicolore in cerca di qualcosa. Ben presto rinsavii, seppur pensando d’essere folle agli occhi altrui. Un uomo volle farmi un ritratto, e io, glielo concessi a patto che me ne desse una copia. – perché le foto vanno stampate – gli dissi , per riconoscere quel mio istante di dolore tra i tanti della mia vita.

2 thoughts on “Il ritratto

  1. Gravantes says:

    Grazie di cuore Ale.

Benvenuto Eternauta!!! Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: