Libri - Illustrazione - Anime - Serie - Movies - Eventi

L’incontro. Prima dell’attacco.

Luna – Base avanzata dell’impero di Vega

Gandal, Comandante delle truppe di invasione terrestre, ha deciso di recarsi segretamente sul pianeta Terra, cercando di capire chi sia questa entità denominata “ Principe delle Tenebre “ prima di procedere con il piano di attacco alla terra. Dopo aver localizzato il luogo in cui gli scanner, avevano rilevato la fonte energetica di tale entità, si imbarca sul proprio caccia personale con rotta verso  una zona montuosa denominata “ Dolomiti “ alla ricerca di una caverna ben nascosta, ma facilmente individuabile dai suoi droni termoscanners, di cui il suo caccia è equipaggiato. Arrivato nei pressi delle vette dolomitiche, invia uno dei droni  alla ricerca dell’ingresso. Dopo 15 minuti di attesa, un impulso sul suo radar di bordo rivela le coordinate d’ingresso per la grotta. Non essendovi un luogo ben ampio in cui atterrare, lascia la navetta in sospensione e opportunamente occultata e scende tramite il raggio traente inverso.

Ritrovatosi dinanzi all’ingresso, un anfratto un po’ stretto, varca la soglia senza alcun timore perdendosi nell’oscurità . All’interno il buio é pesto, ma gli occhi di Gandal, possono visualizzare uno spettro più ampio rispetto ad un normale terrestre. Quindi il buio per lui, è un specie di penombra. Dopo un percorso di quasi un’ora tra stretti cunicoli, percepisce un suono simile ad un stridio. Qualcosa ha fatto scattare un allarme – pensa tra se e se. Seguendo il rumore si ritrova dinanzi ad una fenditura cui oltre, il buio è interrotto da una frequenza di colore rosso scuro cangiante. Oltrepassando la fenditura, comprende di trovarsi dinanzi ad un organismo vivente, una forma di energia latente in sospensione tra uno stato liquido e gassoso. Una forma di vita? – chiede a se stesso. Nello stesso instante in cui si avvicina all’organismo, una parvenza di occhi si palesano dinanzi al suo volto. Il comandante, Incuriosito ma allerta , indietreggiando di qualche passo tira fuori la sua arma e la punta contro quella strana forma di energia. Ma succede qualcosa, improvvisamente sente risuonare delle parole nella lingua di Vega nella sua mente. Gandal rimane interdetto per qualche secondo, ma poi abbassando l’arma, si pone in ascolto mentre il colore rosso diviene più intenso avvolgendo tutta la scena. Suoni , ricordi e immagini si miscelano insieme. Cosa accadde dopo, nessuno può dirlo. Forse.

” Se c’e un aspetto che amo della fotografia, è l'incontro, e il poter guardare le persone cercando di scovare lo zero fotografico che è in ognuno di noi. Un difficile incontro tra Operator e Spectrum, finché non crollano le barriere egosintoniche e si instaura una profonda relazione. Ogni fotografia è una personale realtà, indica il luogo e il tempo del mio passaggio, una finestra sui miei occhi, ma non verità assoluta proprio perché ognuno, è autore della propria”

Un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: