Bello Trentino

Rifugio Potzmauer

Questa domenica scorsa, ho deciso che sarei tornato al Rifugio Potzamauer ai Masi Alti di Grumes, dalle parti della Val di Cembra. Da Trento, dirigetevi verso Lago Santo di Cembra, altro luogo stupendo dove potreste fare un bagno, e dopo aver parcheggiato a fianco al rifugio sul lago, potrete inoltrarvi attraverso lussureggianti boschi in cui camminare, risanando spirito, corpo e mente. Ovviamente, io non sono una guida turistica e non voglio vendervi nulla, quindi non aspettatevi post specifici, non è un lavoro di mia competenza; Però, amo parlare dei luoghi in cui vivo e le percezioni che provo. Vi dico subito che per arrivare al rifugio, occorre una camminata di un’ora e mezzo, due ore circa, attraverso un sentiero boschivo di discese e salite, ma per nulla difficile. Se riesco a farlo io con le mie ginocchia, può farlo chiunque, però, siate leggeri, non troppo carichi. Arrivati al rifugio, oltre a dissetarvi con un ottima birra e gustare i piatti del luogo, potrete distendervi sul prato e riposare o giocare al cell e qualsiasi cosa vi venga in mente. A fine giornata, dopo il ritorno, sarete distrutti dalla stanchezza ma felici di esservi circondati di tanta bellezza.

IO non parlo molto mentre cammino, anzi spesso mi isolo dal gruppo per godermi il suono della natura e osservarne colori e percepirne gli odori e magari, scovare qualcosa di interessante. Ad esempio, io non sono un amante dei funghi e non ne capisco nulla, eppure mi sono ritrovato ad entusiasmarmi nell’averne avvistati alcuni, tra cui uno dei più malefici, un’amanita, che in qualche sito è riportata come un potente allucinogeno usato dagli Sciamani, chissà!!! Al di là di questo, devo confessarvi che avevo iniziato questa escursione di cattivo umore, ma la natura mi ha aiutato a ripulire la mente, a respirare, ma anche gli amici che amo ci hanno messo del loro, soprattutto quando sulla strada del ritorno, il cugino di un mio caro amico ci è venuto a raccattare con un mega pickup, portandoci nella casa di famiglia vicino al lago; dove siamo stati coccolati e rimpizzati di ogni tipo di ben di Dio fatto in casa. I profumi, il cibo, l’accoglienza di un tempo, e la gioia del volerli condividere con tutto l’amore possibile, finché non finisce tutto ovviamente. Eravamo affamati!!! 😂😂😂😂😂😂😂😂

Alla prossima escursione….Vi piacerà il Trentino!!!

Ps. Quando vado in giro cosi, porto solo attrezzature leggere. Bastano un drone da 250g e un buon cellulare, magari una piccola mirrorless, la schiena vi ringrazierà,

Il Rifugio POTZMAUER- 1300 mt.

Il rifugio è situato nelle adiacenze del Parco Naturale del Monte Corno, crocevia tra il Trentino e l’Alto Adige. E’ meta e tappa intermedia del Sentiero Europeo E5 (Lago di Costanza – Venezia) e offre possibilità di escursioni estive e invernali.

” Se c’e un aspetto che amo della fotografia, è l'incontro, e il poter guardare le persone cercando di scovare lo zero fotografico che è in ognuno di noi. Un difficile incontro tra Operator e Spectrum, finché non crollano le barriere egosintoniche e si instaura una profonda relazione. Ogni fotografia è una personale realtà, indica il luogo e il tempo del mio passaggio, una finestra sui miei occhi, ma non verità assoluta proprio perché ognuno, è autore della propria”

2 commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: