Fotografia,  Tracce di scrittura, pensieri.

Tormenta

A volte il dolore non è fisico. Ma più un ricordo, una voce, un frammento di un’immagine, di un odore, di un mancato abbraccio o di qualche parola non detta. L’impulso parte dalla mente insinuandosi nel cuore rosso e la fitta, diviene reale. Una tormenta di ricordi si stagliano all’orizzonte e tu cerchi di resistere al vento che percuote possente il volto arrossato e già sfinito di un’anima mai serena. Poi tutto si placa, e tu sei ancora a li a respirare e osservare i ricordi che dissolvono nel vento. Ma ci sei ancora.

” Se c’e un aspetto che amo della fotografia, è l'incontro, e il poter guardare le persone cercando di scovare lo zero fotografico che è in ognuno di noi. Un difficile incontro tra Operator e Spectrum, finché non crollano le barriere egosintoniche e si instaura una profonda relazione. Ogni fotografia è una personale realtà, indica il luogo e il tempo del mio passaggio, una finestra sui miei occhi, ma non verità assoluta proprio perché ognuno, è autore della propria”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: