Bello Trentino,  Fotografia,  Paesaggio Aereo

Tra natura e antropizzazione

Non è mai semplice raccontare il paesaggio, soprattutto perché trovarlo selvaggio al giorno d’oggi, è una vera impresa. Quindi, si può definire ” paesaggio” una forzata coabitazione tra natura e antropizzazione. Il che si traduce nel tentativo di far convivere in fotografia tali aspetti. Non è facile ma è affascinante, forse perchè in fondo, Io e noi tutti, siamo convinti che la natura che vediamo intorno a noi, magari lontano da qualche manufatto umano, la si possa ancora definire selvaggia. Ma non è cosi. Io vi sto ancora studiando.

9 gradi alle ore 18:00 sul lago di Caldonazzo. Siamo nella fase di passaggio tra autunno e inverno. Eppure, non è freddo. La luce lunare attraversa i cirricumuli e rende visibili le creste montane che circondano il lago. Le nuvole alternano colori freddi e caldi dovuti alla luce proveniente da terra. La gente nelle proprie case illuminate, chiude le porte al mondo fuori. Adesso, è il silenzio.

” Se c’e un aspetto che amo della fotografia, è l'incontro, e il poter guardare le persone cercando di scovare lo zero fotografico che è in ognuno di noi. Un difficile incontro tra Operator e Spectrum, finché non crollano le barriere egosintoniche e si instaura una profonda relazione. Ogni fotografia è una personale realtà, indica il luogo e il tempo del mio passaggio, una finestra sui miei occhi, ma non verità assoluta proprio perché ognuno, è autore della propria”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: