La cuffia old style

Ore 21:30. Impianto natatorio di Trento Nord – Gardolo

E’ dalle 14.30 di oggi pomeriggio che sono in servizio di sorveglianza sulla piscina di 25 metri del quartiere di Gardolo, zona in cui risiedo. Sono seduto su un trespolo alto più di due metri, ed ho con me qualche libro di fotografia e un quaderno su cui scrivere, almeno finche qualcuno non mi dice nulla, cercando di annoiarmi il meno possibile. Ancora un’ora e stacco. Dalle 20:45 in poi, l’impianto chiude per la normale utenza per permettere l’ingresso alle attività sportive serali, quali nuoto master e corsi di apnea.

Proprio il gruppo di Apnea stasera è più folto del solito. Nuovi aspiranti apneisti fanno la prova d’ingresso. Li osservo, cosi tirati a lucido nelle loro aderenti tutte da sub che rendono tutto più sensuale, con tanto di maschera nel volto, boccaglio e pinne da profondità, mentre provano a coprire la distanza di 25 in apnea, cosa non facile senza n pò di allenamento. Io continuo ad annoiarmi.

Li guardo concentrarsi sul respiro. Essere rilassati durante un apnea è fondamentale, quanto imparare a conoscere i segnali del proprio organismo. Un mio conoscente si occupa di pesca in apnea sul garda. Dovreste vederlo in planata libera fino a 30 metri in fondo al lago, colpisce la preda con il suo fucile subacqueo e risale. il tutto dura un minuto e più. Io non ne sarei in grado.

Ore 22.00 . Ancora mezz’ora. Mi annoio.

Come in tutti i gruppi di aggregazione in cui vi è sempre qualcuno che ha qual qualcosa in più, anche qui vi è una presenza degna di nota tra tutto questo nero lucido imperante. Una signora molto robusta, dell’età di 70 anni circa, sfoggia sempre una serie di costumi bizzarri e colorati. Ma stasera è qualcosa di spettacolare. Oltre ad indossare un costume intero coloro giallo zafferano con fiorelloni arancioni, indossa una coloratissima cuffia old style che va tanto di moda oggi, come quelle delle nostre nonne negli anni 60. Un cuffione in lattice pesante colore arancione con dei fiorellini sporgenti violacei. Un’esplosione di colori estivi degni di una copertina dei King Crimson. La signora indossa poi una maschera da sub e delle pinne da media profondità. Vederla nuotare cosi rilassata da sola nella sua corsia, mi fa capire quanto sia a proprio agio. E’ evidente che nuota da molto tempo. Vorrei essere al suo posto, inebriandomi in acqua. La osservo mentre fila veloce grazie alla spinta delle pinne e sorrido. Mi rendo conto che mi ha messo di buon umore e inoltre, mi ha permesso di scrivere questa piccola storia. Adesso è tempo per una doccia calda e poi a casa, sotto le coperte e leggere prima di addormentarmi. Un abbraccio.

Benvenuto Eternauta!!! Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: